Sicurezza

Bookmark and Share

Come per tutti i viaggi nell’area del sud-est asiatico, il visitatore si deve affidare ad agenzie di viaggio con sperimentata conoscenza dei luoghi e alta affidabilità.
I viaggi “fai da te” o in piccoli gruppi sono sconsigliati, specie se effettuati nell’interno del Paese, per il verificarsi di episodi di banditismo e terrorismo.
Particolari cautele devono essere adottate dai navigatori, in quanto si sono verificati atti di pirateria nei mari della zona.

Zone a rischio
Si sconsiglia vivamente di viaggiare nella zona centro e nord - ovest dell’ isola di Mindanao: in particolare  Maguindanao, Lanao del Sur,  Lanao del Norte,  Sultan Kudarat, Cotabato del Nord e del Sud, dove sono avvenuti scontri armati e rapimenti. Anche nella città di Davao si sono verificati episodi di violenza.
È assolutamente da evitare la parte meridionale della penisola di Zamboanga (province di  Zamboanga del Norte , Zamboanga del Sur e Zamboanga City) e le isole a sud ovest di Mindanao (province di Basilan, Sulu e Tawi Tawi) dove continuano a verificarsi scontri tra esercito e terroristi.
Un’altra zona sconsigliata è la regione del monte Pinatubo in Pampanga maggiormente interessata dalle attività del NPA (gruppo terrorista che opera in tutto il Paese). Ugualmente dicasi per le zone dell’entroterra dell’isola di Negros, Bohol, Samar e Panay.

Zone di cautela
Anche a seguito di episodi di banditismo, sono da considerare zone di particolare cautela la parte meridionale delle isole Visayas ed il nord-est dell’isola di Luzon.

Avvertenze
Il visitatore deve essere consapevole dei rischi ai quali può andare incontro in considerazione dei diversi attentati dinamitardi avvenuti in luoghi pubblici (stazioni di metropolitana, autobus ecc..) e dei cruenti episodi di banditismo che hanno coinvolto anche note località di villeggiatura come quelle nell'isola di Palawan.
Vanno evitati i luoghi di eventuali manifestazioni  od assembramenti politici.

In relazione al rischio di atti di terrorismo, oltre che nell'Isola di Mindanao, particolare cautela va adottata nei siti affollati delle maggiori città del Paese - inclusa tutta Metro Manila - come i centri commerciali. 
Si consiglia ai connazionali di registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare nel Paese sul sito
http://www.dovesiamonelmondo.it

I Filippini sono generalmente aperti, tolleranti e curiosi verso i turisti cui non impongono particolari comportamenti qualora vengano rispettati i normali criteri di civiltà e decenza.
La popolazione è generalmente affabile e cortese con gli stranieri; essa si attende tuttavia che la proverbiale mitezza e tolleranza venga ricambiata. I Filippini hanno un carattere estremamente orgoglioso e suscettibile; è pertanto prudente evitare nel modo più assoluto di perdere la pazienza e il controllo lasciandosi andare a manifestazioni d'ira, insulti o frasi sprezzanti che non sono assolutamente tollerati e che possono provocare reazioni imprevedibili e pericolose.
Si raccomanda in generale di osservare le normali precauzioni contro la delinquenza comune evitando strade rurali, di montagna e secondarie e le zone periferiche delle città, in particolare di notte.

È generalmente consigliabile declinare con il dovuto garbo offerte di assistenza, di guida in zone non conosciute, inviti a spettacoli o incontri particolari e offerte per facili affari.
È pericoloso assecondare le proposte dei tassisti di accompagnare il cliente in luoghi di piacere, con il conseguente rischio di arresto o di ricatti.

Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga:
le sanzioni per il possesso e/o uso di droga sono strettamente dipendenti dai quantitativi posseduti.  Nei casi più gravi si arriva all’ergastolo e a multe fino a 250.000,00 euro. Più severe sono le pene in relazione alla spaccio che possono arrivare fino alla pena di morte. Una volta scontata la detenzione, lo straniero viene immediatamente espulso dal Paese. In caso di arresto si raccomanda di telefonare immediatamente all'Ambasciata (vedi voce”Ambasciata e Consolati” o al seguente numero di emergenza 0917.5375071 per i fine settimana) senza prestare attenzione a eventuali consigli circa improbabili facili soluzioni.

Normativa locale prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori:
le Filippine sono ancora considerate una delle mete del cosiddetto “turismo sessuale” ed il Governo  locale ha ritenuto di inasprire considerevolmente le pene per i reati relativi alla prostituzione minorile (si è minorenni sino a 18 anni).  A titolo indicativo si segnala che per tali reati le pene variano dai 14 anni di reclusione all'ergastolo e per i casi di violenza è prevista la pena di morte. In particolare, possono essere condannati a 10-12 anni di reclusione quanti vengano sorpresi in compagnia di bambini sotto i 12 anni o di persone più giovani di almeno 10 anni.
Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.
In caso di problemi con le autorità locali di Polizia  (stato di fermo o arresto) si consiglia di  informare l’Ambasciata o il Consolato italiano presente nel Paese per la necessaria assistenza.